Bookhaul gennaio 2019

Book Haul 01/2019: i miei nuovi libri di gennaio

Ed eccomi con il consueto appuntamento mensile, il bookhaul. Gennaio è il mese dei buoni propositi, il periodo perfetto per tirare le somme e per ricominciare. Ma è anche un mese ricco di nuove uscite letterarie e quindi nonostante i buoni propositi di limitare le nuove entrate e smaltire un po’ di libri in arretrato, resistere è stato impossibile.

Vediamo insieme quali sono i miei nuovi libri di gennaio

Vox di Christina Dalcher

[amazon_link asins=’8842931381′ template=’ProductAd’ store=’caffeletterario-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a7060398-bacb-49ad-b4f9-b064ea6fe39c’]

Jean McClellan è diventata una donna di poche parole. Ma non per sua scelta. Può pronunciarne solo cento al giorno, non una di più. Anche sua figlia di sei anni porta il braccialetto conta parole, e le è proibito imparare a leggere e a scrivere. Perché, con il nuovo governo al potere, in America è cambiato tutto. Jean è solo una dei milioni di donne che, oltre alla voce, hanno dovuto rinunciare al passaporto, al conto in banca, al lavoro. Ma è l’unica che ora ha la possibilità di ribellarsi. Per se stessa, per sua figlia, per tutte le donne. Ogni giorno pronunciamo in media 16.000 parole. Parole che usiamo per lavorare, per chiacchierare con gli amici, per esprimere la nostra opinione. Ma, se non facciamo sentire la nostra voce, ci rimarrà solo il silenzio…

Estelle. Storia di una principessa e di un suonatore di accordìon di Massimo Piccolo

[amazon_link asins=’8886638728′ template=’ProductAd’ store=’caffeletterario-21′ marketplace=’IT’ link_id=’90dca93c-6e73-4cf5-b3de-84badde982d9′] La principessa e futura regina Estelle, figlia del re Gustav IV e Alessaija, sembra aver ereditato dalla madre non solo la straordinaria grazia e bellezza, ma anche una terribile e, forse letale, avversione alla luce del sole. Vinto dalla paura, per l’amore incondizionato che prova per lei, il Re padre trasforma il castello, e l’immenso giardino, in un posto dove il sole non potrà affacciarsi in nessun modo, e, se la figlia sarà costretta a vivere tutta la vita esclusa dal mondo, farà in modo che tutto il mondo possa passare nel suo castello per allietare le continue feste organizzate per la sua bambina. E tutto sembra procedere secondo i suoi piani, fino a quando al castello, in occasione della giostra indetta per dare uno sposo alla sua unica figlia, non capiteranno il principe Ileardo di Hardangerfjord e Juan, un suonatore di accordìon.

La memoria della cenere di Chiara Marchelli

[amazon_link asins=’8894938166′ template=’ProductAd’ store=’caffeletterario-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f1bfbe6e-9bdc-4676-b96b-7b5316281479′] Elena è una scrittrice, sa leggere le storie sui volti delle persone. Una notte, un aneurisma la colpisce nella sua casa di New York. Sopravvive, e insieme a Patrick decide di trasferirsi in Francia, nell’Auvergne, in un paesino ai piedi del vulcano Puy de Lúg. Durante la convalescenza, la mente di Elena arde di pensieri, di memorie interrotte, di sentimenti riscoperti, di attese e incertezze, come il magma che ribolle sottoterra, a pochi chilometri da lei. Quando i genitori vengono a trovarla per un breve soggiorno, il loro arrivo coincide con un’improvvisa eruzione del vulcano. E mentre una colonna di fumo, cenere e lava inizia a uscire dalla bocca del Puy de Lúg, i protagonisti si trovano bloccati tra le mura di casa, in un tempo sospeso che sovverte ruoli e sicurezze, paure e desideri. “La memoria della cenere” racconta di una rinascita, di un’anima che si rigenera, alla ricerca di un fragile, delicato equilibrio con le verità impassibili che governano la vita.

Benedetta degli Esposti e altre storie di donne fantastiche di Rosario Vitale

[amazon_link asins=’B07L5YMC7L’ template=’ProductAd’ store=’caffeletterario-21′ marketplace=’IT’ link_id=’cf9d3761-c332-41f8-93a3-280644c3c566′] Tre racconti fantastici e un dramma: quattro donne, quattro storie d’amore e di morte. Benedetta Degli Esposti, rimasta bloccata su un’isola dopo un nubifragio e costretta a vivere con degli strani esseri; Beatrice Di Spirito, ricoverata in ospedale per una malattia degenerativa, che grazie all’aiuto di un brav’uomo riesce ad aggirare il suo destino; Bianca Degl’Innocentl, morta “ragazza” nel lontano 1859 ed Elvira d’Albavana, che vive una tragedia d’altri tempi. Un viaggio tra mostri a sei dita, medaglioni maledetti, demoni, fantasmi e sanguinari nemici invincibili, dove l’amore trionfa sempre su, tutto ma, a volte, non sulla vita.

Un giorno di ordinario narcisismo di Giacomo Festi

[amazon_link asins=’8893431505′ template=’ProductAd’ store=’caffeletterario-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6eed019b-49fc-4ba9-97cd-9f424c1886f9′] Prendete un ex compagno di scuola che detestavate, ora immaginate che partecipi a un dannato talent show e che di colpo sia proiettato alla ribalta nazionale con la musica più insulsa e odiosa che possiate immaginare. Cosa fareste se veniste a sapere che stasera si esibirà nella vostra città e vi regalassero perfino il biglietto per andarci? Metteteci pure che in generale a voi le cose non vanno granché bene: avete pubblicato un libro che nessuno si è degnato di leggere, la vostra ragazza vi ha lasciato per motivi ancora oscuri, non avete un lavoro, vostro padre vi rinfaccia il vostro fallimento e la città della profonda provincia italiana in cui vivete è piena di gente intenta soltanto a guardarsi l’ombelico, gente di cui conoscete fin troppo bene ogni vizio e ogni meschinità. Ecco la storia che troverete in questo libro divertente e amaro di Giacomo Festi: un Io narrante senza nome alle prese con altri io da lui impietosamente narrati, quelli che va incontrando per le strade di R. nell’arco di una giornata decisamente storta. Mettiamo che poi a quel tremendo concerto finiate per andarci davvero.

Vi incuriosisce qualcosa tra questi miei nuovi libri? Voi che cosa avete acquistato di interessante?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *