recensione Racconti macabri di Edgar Allan Poe

Recensione “Racconti Macabri” di Edgar Allan Poe, illustrazioni di Benjamin Lacombe

Per il libro di cui voglio parlarvi oggi, fare una recensione classica come quelle a cui sono abituata, è pressoché impossibile. Il libro in questione è “Racconti macabri“, una raccolta di racconti di Edgar Allan Poe, uno dei più grandi e influenti scrittori statunitensi di sempre. Poe è considerato il precursore di un genere che io ho sempre amato: storie del terrore, racconti tenebrosi, letteratura dell’orrore.

Per quanto io sia sempre stata attratta da questo genere, non mi ero mai avvicinata a nessuna delle opere di Edgar Allan Poe e non posso che esser felice di averlo fatto con la magnifica edizione illustrata di “Racconti Macabri”.

Più che un libro è un piccolo scrigno di magia. Sfogliare le pagine di questa magnifica opera illustrata da Benjamin Lacombe è un’esperienza che consiglio a tutti i lettori e a tutti coloro che amano l’arte. Non importa che voi siate amanti del genere o no perché in realtà, vi assicuro che nessuno dei racconti è così terrificante da non farvi dormire la notte, ma meritano di essere letti così come le illustrazioni meritano di essere ammirate.

Vi lascio direttamente qualche scatto per provare a trasmettervi la bellezza delle pagine custodite in questa edizione Rizzoli di

Racconti Macabri” di Edgar Allan Poe

 

Racconti macabri di Edgar Allan Poe e Benjamin Lacombe

Già la copertina e il formato scelto per questa edizione, riescono a far percepire il clima che aleggia tra le pagine del libro. Gli otto racconti custoditi all’intero sono un puro e apprezzabile esercizio di stile dell’autore che con maestria riesce a far percepire al lettore ogni singolo dettaglio delle sue storie. Il dolore provato dal protagonista ti si attacca addosso, la polvere che aleggia in una casa protagonista di uno dei racconti è palpabile, percepibile la follia di un uomo che crede di esser perseguitato dallo spirito della moglie tramutato in un gatto nero, così come la bellezza assoluta di quel volto nel dipinto ovale. Racconti non troppo lunghi e nemmeno troppo complessi in cui ci si perde e ci si immerge: Berenice, Il gatto nero, L’isola della fata, Il cuore rivelatore, La caduta degli Usher, Il ritratto ovale, Morella e Ligeia.

racconti macabri illustrati da benjamin lacombe

Storie diverse che come unico punto in comune hanno le atmosfere cupe e misteriose. Atmosfere rese ancora più profonde dall’eccelso lavoro dell’illustratore Benjamin Lacombe. Ho così amato i suoi lavori che non ho potuto fare a meno di dar sfogo alla curiosità e spulciare in lungo e in largo il web per trovare tutti i suoi lavori.

Ad arricchire ulteriormente un libro a parer mio già perfetto, il saggio finale di Charles Baudelaire sulla vita e le opere di Edgar Allan Poe e le biografie (complete di ritratti realizzati sempre da Lacombe) sui tre autori di “Racconti Macabri“.

Racconti macabri edizione illustrata

“Racconti Macabri” di Edgar Allan Poe e Benjamin Lacombe è quindi un gioiellino che tutti i lettori appassionati del genere e non, dovrebbero possedere. Visto che siamo nel periodo giusto, compratelo e regalatelo per Natale. Farete un figurone!

Acquista “Racconti Macabri” su Amazon

1 commento su “Recensione “Racconti Macabri” di Edgar Allan Poe, illustrazioni di Benjamin Lacombe”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *